Carpaccio di cetriolo

Carpaccio di cetriolo
Carpaccio di cetriolo 5 1 Anonymous

IMG_0611

C’era una volta un cetriolo che da grande voleva diventare qualcuno, magari una ricetta di alta cucina…
Allora studiò il francese, e un bel giorno scoprì la parola cruditè. E fu in quel momento che capì qual’era la sua vera vocazione, non quella di finire in un barattolo insieme agli altri sottaceti, ma diventare un piatto per palati più raffinati.

Ed è così che vogliamo ricordarlo:

Affettato in rotelle sottili, adagiato su un piatto da portata, condito con olio, scaglie di grana e qualche cubetto di zenzero. Sopra a tutto un pizzico di sale e una decorazione di sciroppo di aceto balsamico.

Morale della favola: meglio un carpaccio oggi che un sottaceto domani!

Commenti