La Schnitzel non è la cotoletta ma ci piace

La Schnitzel non è la cotoletta ma ci piace
La Schnitzel non è la cotoletta ma ci piace 5 1 Anonymous

Ai rapper metropolitani piace fare scambi culturali con i paesi stranieri. Per questo motivo Mc Chef & Dj Cook hanno pensato bene di accettare l’invito del Ministero degli Esteri austriaco per il Festival internazionale della Schnitzel, la cotoletta impanata di origine viennese. Proprio qui, tra una birra e un würstel, un würstel e una birra, hanno carpito tutti i segreti per cucinare nel modo migliore la vera Schnitzel. E ora ve li sveliamo tutti!

Schnitzel

Per prima cosa è bene sapere che ci sono sostanziali differenze tra la Wiener Schnitzel e la cotoletta alla milanese. La carne è la stessa, il vitello, ma per quella viennese si prende della polpa senza ossa, la si taglia fine e la si allarga a dismisura con il batticarne. Questa operazione, oltre a rendere la fetta di carne bella larga e finissima, la renderà anche incredibilmente morbida, tanto che non servirà nemmeno il coltello per tagliarla.

L’impanatura è quella classica di uovo e pangrattato e la frittura va fatta nel burro fuso o nello strutto. Non servono lunghe cotture, ma solo rendere croccante da entrambi i lati la vostra Schnitzel. Viste le dimensioni, è consigliabile utilizzare una padella larga in modo da  effettuare una cottura omogenea. Ma non esiste una Schnitzel perfetta se non è accompagnata da un’insalata tiepida di patate. Per farla prendete i tuberi, pelateli e tagliateli a fette larghe e sottili. Nel frattempo fate rosolare dello speck a dadini e o della pancetta affumicata in una padella con del burro. Aggiungete le patate e procedete nella cottura aggiungendo poco alla volta del brodo vegetale o dell’acqua calda, come se si facesse un risotto. A metà cottura aggiungete un giro di aceto di vino, sale e pepe. Procedete fino a quando le patate si saranno ammorbidite ma non sfaldate. Lasciate intiepidire e servite insieme alla vostra Schnitzel croccantissima. Le quantità dipendono esclusivamente dalla vostra fame, ma c’è solo un cosa importantissima: che la Schnitzel sia il più larga e fine possibile!

Commenti